Presentazione

L'importanza crescente assunta dalla Convenzione europea dei diritti umani nel nostro ordinamento, specialmente a seguito delle note sentenze della Corte costituzionale del 24 ottobre 2007, n. 348 e n. 349, ha imposto con urgenza l’esigenza di apprestare uno strumento in grado di assicurare una più ampia conoscenza e diffusione della giurisprudenza della Corte europea dei diritti umani presso gli operatori giuridici. Tale esigenza risponde anche alle ripetute sollecitazioni espresse dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa attraverso cinque successive raccomandazioni in materia di conoscenza e conoscibilità della giurisprudenza della CEDU, informazione e formazione in materia di diritti umani ed esecuzione delle sentenze della Corte di Strasburgo.

     L’Osservatorio è frutto di un progetto presentato dall’Unione forense per la tutela dei diritti dell’uomo (UFTDU) a partire dal 2008 e che attualmente fruisce del patrocinio e del contributo economico del Consiglio Nazionale Forense. Direttore dell'Osservatorio è l'Avv. Anton Giulio Lana.

     La finalità dell’Osservatorio è quella di migliorare il grado di accessibilità della giurisprudenza della Corte europea, tuttora resa oggettivamente difficile dagli ostacoli di carattere linguistico. Le sentenze e le decisioni della Corte europea, infatti, sono redatte in inglese e/o francese e non esiste allo stato un regolare sistema di traduzione in lingua italiana. L’Osservatorio rappresenta, quindi, un valido strumento di consultazione a disposizione di avvocati, magistrati, pubbliche amministrazioni, forze dell’ordine e semplici cittadini i quali possono accedere ai suoi contenuti in modo agevole, semplificato, gratuito e, soprattutto, in lingua italiana.

 

Le traduzioni in lingua italiana dai testi originali in lingua inglese e/o francese delle sentenze e decisioni della Corte europea dei diritti dell'uomo nonchè gli atti del Comitato dei Ministri, pubblicati nel presente sito, sono realizzate a cura dell'Unione forense per la tutela dei diritti dell'uomo e, pertanto, non impegnano in alcun modo il Consiglio d'Europa.

 

Novità: Considerando che il 90% del traffico di questo sito è diretto verso la giurisprudenza della Corte europea, abbiamo ritenuto di agevolarne la consultazione attraverso un link rapido al suo indice:

Link rapido all'indice cronologico della giurisprudenza della Corte europea

Attualità

20/05/2011 – Il Presidente della Corte, Jean-Paul Costa, ha aperto il seminario di formazione «Les droits des prisonniers à la lumière de la Convention européenne des droits de l’homme», organizzato dalla Association de Formation et de Recherche en Droit Européen des Droits de l’Homme (AFREDH), dalla Fédération Nationale des Unions de Jeunes Avocats (FNUJA) e dalla Union des Jeunes Avocats du Barreau de Paris (UJA).

19/05/2011 – Il Presidente ha tenuto il discorso di apertura del seminario di formazione «La procédure devant la Cour européenne des droits de l’homme et le droit à un procès équitable», organizzato a Strasburgo nei giorni 19-20 maggio dalla Union Internationale des Avocats (UIA).

Grande Camera

Prossime sentenze di Grande Camera
25/05/2011
– A giugno la Grande Camera terrà udienza nei casi Konstantin Markin c. Russia (8 giugno) e Hirsi et al c. Italia (22 giugno).

Recenti sentenze di Grande Camera
24/03/2011
– La Corte ha pronunciato le sentenze di Grande Camera nei casi Lautsi c. Italia (18/03/2011) e Giuliani e Gaggio c. Italia (24/03/2011).

Udienze

18/05/2011 – La Corte ha tenuto udienza nel caso Van der Heidjen c. Olanda, relativo al rifiuto delle Corti olandesi di esonerare la ricorrente dal testimoniare contro il suo partner, sospettato di omicidio.

17/05/2011 – La Corte ha tenuto udienza nel caso I.M. c. Francia, relativo al diniego di asilo da parte delle autorità francesi nei confronti di un cittadino sudanese ed ai conseguenti rischi per l’incolumità di questo.

Udienze previste per giugno 2011.
25/05/2011 – A giugno la Corte terrà udienza anche nei casi Lindheim et al c. Norvegia e Henriksen c. Norvegia (21 giugno).

Giurisprudenza

Prossime sentenze
26/05/2011
– La Corte comunicherà per iscritto 21 sentenze il 31 maggio 2011.

Sentenze recenti
26/05/2011
– La Corte ha comunicato per iscritto 6 sentenze, in particolare relativamente ai casi Ťupa c. Repubblica Ceca, Legrand c. Francia, R.R. c. Polonia e Duval c. Francia.

24/05/2011 – La Corte ha comunicato per iscritto 13 sentenze, relative in particolare ai casi Elsner c. Austria, Saleck Bardi c. Spagna, Konstas c. Grecia, Aydemir c. Turchia, Agnidis c. Turchia e Association 21 December 1989 et al c. Romania.

17/05/2011 - La Corte ha comunicato per iscritto 13 sentenze, relative in particolare ai casi Bisir e Tulus c. Repubblica di Moldavia e Küçük c. Turchia e Svizzera.

12/05/2011 – La Corte ha comunicato per iscritto 2 sentenze il 12 maggio 2011 e 18 sentenze il 10 maggio 2011, relative in particolare ai casi Gladovic c. Croazia e Popandopulo c. Russia.

[Archivio News]

 

  Osservatorio

struttura e contenuti
L’Osservatorio permanente offre al pubblico un servizio di consultazione ed informazione in lingua italiana relativo alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti umani ed all’attuazione della Convenzione europea dei diritti umani (di seguito “CEDU”). In particolare, attraverso un motore di ricerca e due indici – uno cronologico e uno tematico – è possibile accedere gratuitamente al testo integrale in traduzione italiana delle sentenze e delle decisioni più significative rese dalla Corte europea a partire dal gennaio 2008, sentenze e decisioni che sono di regola disponibili on-line soltanto nella versione ufficiale in lingua francese e/o inglese.

La selezione delle sentenze da tradurre – effettuata con l’ausilio di un giurista della Corte europea dei diritti umani e di altri esperti della CEDU – avviene sulla base di un’attenta valutazione delle ricadute dirette o indirette che tali decisioni possono avere – per le questioni trattate o per le soluzioni accolte – per l’ordinamento italiano, quali segnatamente quelle che modificano pregressi orientamenti interpretativi in ordine alla portata delle norme CEDU, ovvero risolvano questioni nuove di particolare importanza o di carattere generale. Le sentenze e decisioni tradotte sono altresì corredate da massime e da brevi note di coordinamento giurisprudenziale.

Le sentenze sui cosiddetti “casi ripetitivi” sono raccolte separatamente distinguendole in funzione delle specifiche violazioni da cui esse originano e per ognuna di esse è elaborata una scheda sintetica di segnalazione. Ogni sentenza destinata alla traduzione integrale e ogni scheda riguardante i “casi ripetitivi” è altresì accompagnata da “parole chiave” idonee a facilitare l’inquadramento delle singole pronunce per aree tematiche.

La traduzione in lingua italiana delle pronunce della Corte europea rappresenta uno degli aspetti qualificanti dell’Osservatorio. Per assicurare la loro massima accuratezza linguistica e giuridica e garantire così l’esatta interpretazione ed applicazione a livello nazionale della CEDU, l’Unione forense per la tutela dei diritti dell’uomo (UFTDU) si avvale di un team di traduttori altamente qualificati non soltanto per la loro ottima conoscenza delle lingue, ma anche per la loro consolidata esperienza nel campo della giurisprudenza di Strasburgo.
servizi e funzionamento
Il sito offre essenzialmente due servizi finalizzati a facilitare l’accesso agli atti: attraverso il motore di ricerca è possibile effettuare una ricerca generale nell’intero database, il quale contiene tutti gli atti presenti nel sito, mentre attraverso gli indici cronologico e tematico è possibile ricercare solamente le decisioni e le sentenze della Corte europea tradotte e le schede relative ai casi ripetitivi.

L’indice cronologico permette di selezionare le pronunce in base alla data di emissione; a tal fine, le pronunce sono ordinate dalle più recenti alle più risalenti. L’indice tematico consente, invece, di ricercare le pronunce rese in relazione a ciascun diritto garantito dalla CEDU. All’interno delle aree corrispondenti a quei diritti che necessitano di una più precisa articolazione, compaiono anche dei sottogruppi relativi a voci tematiche via via più dettagliate.

Una volta effettuata la ricerca, secondo le modalità appena evidenziate, nella pagina compaiono il riferimento della sentenza corredato da un elenco di parole chiave, da una massima e dalla nota di coordinamento giurisprudenziale. Un’icona consente di accedere al testo integrale della sentenza tradotta od alla scheda relativa al caso ripetitivo.

Tenendo conto delle tempistiche imposte dal lavoro di traduzione, massimazione e annotazione delle pronunce della Corte europea, l’aggiornamento del sito avviene secondo la cadenza indicata nella tabella che segue:

Pronunce e altri atti emessi sino al Caricamento sul sito
29 febbraio 30 giugno
7 giugno 7 settembre
7 settembre 7 novembre
7 dicembre 7 febbraio
19 gennaio 7 marzo

il gruppo di lavoro
Anton Giulio Lana
Avvocato
(25 anni di esperienza professionale)


Direttore dell’Osservatorio
Avvocato cassazionista, esperto di ricorsi alla Corte europea dei diritti dell’uomo, docente di diritto comunitario ed internazionale presso la SSPL dell’Università La Sapienza di Roma, Vice-direttore della rivista “I diritti dell’uomo - cronache e battaglie”, responsabile scientifico del corso sulla “Tutela europea dei diritti umani”; coordinatore del progetto finanziato dall’UNAR su “Contenuti e strumenti per la tutela in materia di discriminazioni razziali”; autore di numerose pubblicazioni in diritto internazionale dei trasporti e tutela internazionale dei diritti umani.
.
Andrea Saccucci
Avvocato, ricercatore
(13 anni di esperienza professionale)


Coordinatore esperti CEDU
Ricercatore e professore aggregato di diritto internazionale presso la Seconda Università di Napoli, professore a contratto di tutela internazionale dei diritti umani nell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, abilitato all’esercizio della professione di avvocato dal 2001 ed esperto di ricorsi dinanzi alle giurisdizioni internazionali, esperto del Consiglio d’Europa in materia di formazione sui diritti umani, Visiting Scholar nel 2006 alla Law School della Columbia University, autore di numerose pubblicazioni in materia di diritto internazionale e tutela internazionale dei diritti umani.
.
Vitaliano Esposito
Magistrato
(51 anni di esperienza professionale)


Esperto CEDU
Avvocato, procuratore generale presso la Corte di Cassazione, componente della Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza (ECRI), già co Agente del Governo italiano dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Autore di numerose pubblicazioni in materia.
.
Maurizio De Stefano
Avvocato
(44 anni di esperienza professionale)


Esperto CEDU
Avvocato dal 1969; patrocinante in Cassazione e davanti alla Corte europea dei Diritti dell’Uomo dal 1983; Legale rappresentante della Consulta per la Giustizia Europea dei Diritti dell’Uomo (organismo costituito dalle associazioni culturali e sindacali di avvocati e magistrati per la didattica sui Diritti dell'Uomo); Docente sui diritti dell’uomo nei corsi di specializzazione forense, anche presso le Università; autore di numerosi articoli divulgativi nella stessa materia.
.
Andrea Tamietti
Referendario
(19 anni di esperienza professionale)


Esperto CEDU
Referendario presso la Cancelleria della Corte europea dei diritti dell’uomo (grado A/4), addetto alla sezione italiana e capo della sezione bulgara, turca e ucraina; ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione forense nel 1995; nel 2000 ha esercitato funzioni di consigliere parlamentare presso la Camera dei Deputati in Roma, con assegnazione al servizio rapporti internazionali; autore di numerose pubblicazioni sulla giurisprudenza della Corte europea.
.
Annapaola Specchio
Avvocato
(12 anni di esperienza professionale)


Responsabile Team traduzioni
Responsabile di progetto di Save the Children, abilitata all’esercizio della professione di avvocato dal 2003, esperta di ricorsi alla Corte europea dei diritti dell’uomo, già giurista temporaneo presso la Cancelleria della medesima Corte, membro del direttivo dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani, autrice di articoli e commenti sulla giurisprudenza europea e relatrice in convegni nazionali ed internazionali in materia di diritti umani.
.
Nicola Napoletano
Dottore di ricerca
(10 anni di esperienza professionale)


Esperto traduzioni
Dottore di ricerca in Diritto pubblico interno e comunitario, ricercatore di diritto internazionale nell’Università Unitelma Sapienza, professore a contratto di Organizzazione internazionale nella Seconda Università di Napoli, autore di saggi e articoli in materia di diritto internazionale e di tutela dei diritti umani.
.
Marco Fasciglione
Docente universitario
(10 anni di esperienza professionale)


Esperto traduzioni
Professore a contratto di diritto internazionale nella Università di Napoli Federico II; esperienze nel settore dello studio, della ricerca e della formazione universitaria e post-universitaria nelle materie giuridiche internazionalistiche con specializzazione in tema di tutela internazionale dei diritti umani; nel 1999 giurista temporaneo presso la Cancelleria della Corte europea dei diritti dell’uomo. Autore di saggi ed articoli e relatore a convegni nazionali ed internazionali in materia di diritti umani.
.
Maria Fabia
Consulente
(3 anni di esperienza professionale)


Esperta traduzioni
Laureata in Relazioni Internazionali all’Università di Bologna ed in Studi Europei presso l’Institut d’Etudes Politiques di Strasburgo, tirocinante al Parlamento europeo nel 2005, master di II livello in Relazioni Internazionali e Politiche di Sicurezza presso l’Università di Tolosa, tirocinante presso il Center for Democracy and Reconciliation in Southeast Europe con sede a Salonicco (Grecia), consulente a progetto dell’Unione forense per la tutela dei diritti umani.
.
Lisa Bjelogrlic
Tirocinante
(1 anni di esperienza professionale)


Esperta traduzioni
Dottoressa in Giurisprudenza (corso magistrale) presso l’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, praticante avvocato iscritta all’Ordine forense di Bologna, tirocinante presso l’Unione Forense per la tutela dei diritti umani, organizzatrice e promotrice di laboratori e seminari per la tutela e difesa dei diritti umani, in particolare diritti dei migranti, dei detenuti, delle persone affette da disabilità, relativa stesura ed elaborazione progetti per il Comune e Provincia di Bologna.
.
Luisa Campanile
Dottoranda di ricerca
(2 anni di esperienza professionale)


Esperta traduzioni
Dottoranda di ricerca in Diritti umani nell’Università di Palermo, praticante avvocato iscritta all’Ordine forense di Napoli, specializzanda presso la Scuola per le professioni legali dell’Università Federico II di Napoli.
.
Raffaele Valobra
Web designer
(16 anni di esperienza professionale)


Responsabile Team informatico
Web project manager e web designer. Collabora stabilmente con società di information technology a Roma. Specializzato in progetti web per studi legali e di formazione giuridica. E’ l’ideatore, tra l’altro, del progetto web UnioneDirittiUmani.it.
.
Gioia Silvagni
Giornalista pubblicista
(21 anni di esperienza professionale)


Responsabile Staff divulgazione e comunicazione
Giornalista pubblicista iscritta all’Albo Nazionale dal 1986, ufficio stampa, responsabile coordinatrice di corsi, seminari e convegni in materia giuridica. Responsabile ufficio stampa e relazioni esterne dell’Unione forense per la tutela dei diritti dell’uomo.
.
contatti
Per qualsiasi segnalazione relativa all’Osservatorio ed ai suoi contenuti, nonché per qualsiasi richiesta di informazioni, è possibile rivolgersi a mezzo e-mail a:
Gioia Silvagni
responsabile relazioni esterne dell’UFTDU
links

Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà fondamentali
L'originale del documento
La Convenzione in italiano  Scarica la Convenzione in italiano